Kids Trip: una Sicilia formato famiglia

0
677

La Sicilia può diventare family friendly? Si, se in suo aiuto nasce Kids Trip, la piattaforma  web che da Catania sta iniziando a svolgere un’azione di informazione e anche sensibilizzazione sul tema. Una città a misura di famiglia, con servizi, eventi, locali e ristoranti in cui genitori e figli possano avere i propri spazi e al tempo stesso condividere esperienze. Il portale Kids Trip è attivo da poche settimane ma sta già facendo parlare di sé: al Sud il tema non è ancora molto diffuso e accendere i riflettori sull’argomento sta destando una certa curiosità ed interesse.

L’idea non poteva che venire ad una mamma che tra lavoro e figli cerca di organizzare al meglio la propria giornata e quella della sua famiglia. Lei è Bianca Caccamese, vive a Catania, un lavoro, un marito e due figli; le piace viaggiare e proprio grazie ai suoi viaggi ha avuto modo di notare le buone prassi del family friendly, tra il Trentino Alto Adige e l’Emilia Romagna. Dalle esperienze vissute ha preso spunto per creare anche nella sua città una community tra mamme in cui scambiarsi consigli e suggerimenti, ma anche un calendario di eventi ludici, culturali e sociali per genitori e figli, locali e ristoranti a misura di bambino e tutta una serie di attività che coinvolgano ciascuno membro della famiglia.

Insieme a lei in questo progetto ci sono Francesca Mignemi, che si occupa delle sezioni letture e recensioni, e Assia La Rosa, founder dell’agenzia di comunicazione IPress.
In questa intervista parliamo di KidsTrip con la sua founder Bianca Caccamese.

Bianca, com’è nata l’idea di Kids Trip?
“Nasce come spesso accade da esigenze personali. Essendo madre di due bambini e avendo voglia di condividere con la mia famiglia momenti di qualità ho pensato che un blog per mamme 2.0 potesse essere il luogo ideale in cui suggerirsi eventi a cui partecipare o scambiarsi dritte sui locali in cui i nostri figli sono intrattenuti con attività, informazioni utili per vivere e far vivere ai nostri figli dei bei momenti, ma anche consigli su gravidanza e post partum, alimentazione, psicologia, logopedia e pedagogia. L’idea si è successivamente ampliata diventando un portale in cui inserire un calendario di eventi più amplio, itinerari da fare con l’intera famiglia, e  strutture accoglienti con standard di qualità per famiglie.”

Chi ha curato lo sviluppo della piattaforma?
“Per la creazione del logo abbiamo avuto il sostegno dell’agenzia di comunicazione Industria 01, mentre della parte di sviluppo della piattaforma web si è occupata invece l’agenzia  IPress di Assia La Rosa che ha sposato il progetto diventando media partner di Kids Trip.”

Il portale è online da poche settimane, che riscontri state avendo?
“I riscontri ci sono e sono anche molto positivi; dalle nostre parti, ma in generale nel Sud Italia, le buone pratiche del family friendly non sono ancora molto diffuse, e quindi una piattaforma come Kids Trip diventa una risorsa per tante famiglie.
Quello su cui noi puntiamo molto è mantenere standard qualitativi oggettivi, proprio per questo le strutture che abbiamo inserito sul portale sono quelle che offrono delle formule appositamente studiate per le famiglie: dai menù bimbi alle tovagliette gioco; prima di inseririrle facciamo sempre un sopralluogo per verificare personalmente le caratteristiche dei vari luoghi e assegnare un marchio che certifica l’orientamento family-friendly con standard di qualità sia sul piano gestionale che strutturale.”

Pensate di replicare l’idea anche in altre province?
“Assolutamente si, anzi abbiamo già ricevuto richieste da parte di mamme, soprattutto da Messina e Siracusa che, essendo venute a conoscenza del progetto, vorrebbero che anche nelle loro province si estendessero le buone prassi del family friendly, utile ma anche divertente, in modo da creare una Sicilia a misura di famiglia.”

Per visitare il sito: kidstrip.it/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here